Only in Hong Kong: le sette stravaganze che potete vedere solo qui

Hong Kong è una città affascinante e dopo quasi sei anni di permanenza possiamo dirlo con una certa cognizione di causa. È una città vitale, dove tutto funziona bene e se non fosse per il clima sub tropicale, per qualche tifone e per il fatto che non riciclano i rifiuti in modo coscienzioso sarebbe quasi una città perfetta.
Hong Kong è, soprattutto, anche una città strana, dove si consumano stili di vita eccentrici, per certi versi fantasiosi, tipici dei residenti locali. E che la rendono unica.
Ecco qualche stravaganza che puoi vedere solo a Hong Kong.

1. I CELEBRITY TUTOR CHE GIRANO IN FERRARI
A Hong Kong il tutoring, quello che in Italia chiamiamo ripetizioni, è un mercato florido che consente uno status sociale decisamente elevato. Qui i tutors sono VIP, vanno in giro in Ferrari, vestono i grandi brand della moda italiana, investono in pubblicità per promuoversi. La prima volta che ne ho visto uno, salutava dalla fiancata di un double decker, i bus a due piani inglesi. Era un cartellone pubblicitario in stile Carrie Bradshaw di Sex and the City e lui era oggettivamente un bel ragazzo: capelli neri, camicia bianca, splendido sorriso, sguardo intelligente, indulgente, prima che qualcuno mi spiegasse che era un tutor ho persino pensato che offrisse altri tipi di servizi, tanto che mi sono detta “però, che città di larghe vedute”. Un tutor di cinese Mandarino prende in media 350 dollari di Hong Kong all’ora, circa 40 euro. Per matematica si parte da 450 (circa 50 euro), e parlo di un signore indiano sikh che dà ripetizioni a mio figlio in un gruppo di cinque: 450x5=2250 HK$ per un’ora, pari a circa 230 euro. Non emettono fattura, puoi pagare con un transfer bancario direttamente sul loro conto corrente a fine mese o con PayMe. Il celebrity tutor del cartellone non l’ho mai avvicinato, fonti informate dicono stia sui 100/120 euro l’ora e insegni inglese. Dicono anche che abbia di recente comprato una casa al Peak .. ma sono solo voci.

20121007_135747.jpg

2. I TAXISTI E I MILIONI DI CELLULARI CHE TENGONO SUL CRUSCOTTO DELLA MACCHINA

IMG_6297.jpg

Un autentico taxista di Hong Kong non ha mai meno di tre cellulari agganciati al cruscotto oppure al parabrezza della macchina. I casi patologici ne hanno anche otto, dieci. Che cosa se ne fanno? Me lo sono chiesta. L’ho chiesto.
A parte la faccia del mio interlocutore tipo: “ma da dove viene e che domande fa questa signora?” Le risposte sono state:
Due/tre telefonini per ricevere/fare chiamate private.
Uno per Google Maps.
Uno per il servizio traffico live.
Uno per le scommesse dei cavalli. 
È anche capitato il caso del papà che monitorava a distanza gli spostamenti della figlia.
Spesso, ai cellulari si aggiungono un paio di telecamere: una che riprende quello che avviene alle spalle del veicolo, utile quando si parcheggia o quando c’è molto traffico e qualche macchina in coda si appoggia al paraurti. L’altra riprende tutto ciò che avviene davanti ed è indispensabile se si considera che, soprattutto in Cina, un discreto numero di persone ha l’abitudine di fingere di essere stato investito lanciandosi in modo rocambolesco sui cofani delle macchine per farsi pagare dalle assicurazioni.
Qui il taxi è un trasporto pubblico e la tariffa parte da 2,40 dollari di Hong Kong (meno di tre euro), poi aumenta in base al chilometraggio. Spesso i taxisti sono scorbutici, non parlano l’inglese o fanno finta di non capirlo e mentre guidano fanno duemila altre cose: mangiano, contano i soldi, digeriscono ad alta voce, parlano al telefono dei fatti loro, si puliscono i denti con gli stuzzicadenti. Dopo un anno e mezzo ho comprato la macchina.

3. CODE, CODE E ANCORA CODE
Non avete niente da fare la domenica pomeriggio? Uscite, camminate in giro per la città e infilatevi in qualche coda a scelta. A Hong Kong fare la coda è normale, perché rappresenta la cultura dell’attesa, anche paziente: ognuno aspetta il proprio turno senza manifestare la minima insofferenza. Code mute, accondiscendenti, allegre o device addicted, per prendere il bus o la metro, per il caffè da Starbucks, il pane, il takeaway al ristorante giapponese fino a quella per spegnere la sigaretta negli appositi posaceneri delle aree consentite ai fumatori. E se da buon italiano cerchi non dico di saltarla, che sarebbe considerato oltraggioso, ma almeno di accelerare certi passaggi tutti ti guardano con grande disappunto e ti rimettono al tuo posto.

4. SCENE DI VITA VISSUTA … ALL’IKEA
Un posticino dove stare comodi, consumare un istant noodle, fare un pisolino, flirtare con il/la partner sognando di essere in un cottage di montagna. L’Ikea è tutto questo. Basta scegliere il divano giusto oppure il letto, il soggiorno, la cucina e la sala da pranzo: le simulazioni di ordinaria vita quotidiana si consumano come in un film di Ingmar Bergman. O come in un Grande Fratello televisivo se la coppia, poi, inizia a litigare. Certo, potreste essere disturbati da sconosciuti che si inseriscono nel vostro reality allo scopo, del tutto assurdo, di comprare un tavolo per esempio. Ma che importa, se nel termos è avanzato del te verde si può condividerne una tazza.

5. LA ROUTINE MATTUTINA IN MTR
Ancora in ritardo al lavoro? Nessun problema, puoi avere la tua routine quotidiana anche a bordo della metropolitana (a Hong Kong, MTR). Prima di tutto, sgomita per trovare un posto. Una volta seduta inizia con una buona crema idratante su viso e collo, poi passa al trucco, spazzola bene i capelli, togli le flip flop, infila le calze, mettiti le scarpe coi tacchi e riponi le flip flop in borsa. Puoi completare la tua colazione sfidando le autorità: caffè o dumpling o tutti e due insieme (pratica vietata perché in MTR non puoi bere né mangiare) mentre termini di guardare la puntata della serie tv preferita. Chi scrive ha avuto il piacere di assistere a una manicure e  pedicure completa, ricordo indelebile di Hong Kong che sempre porterò nel cuore.

6. LE PERSONE DORMONO OVUNQUE
Hai bisogno di un pisolino durante/dopo la pausa pranzo? Non hai niente da fare mentre aspetti i tuoi amici? Snooze away! A Hong Kong, si sa, i tempi di lavoro sono frenetici e la vita sociale molto piena e complessa, quindi riposare bene è imperativo. Nessuno si scandalizzerà se vi appisolate su una panchina, seduti al tavolino di un caffè, sulle banchine della metropolitana, nei grandi parchi della città.

7. CANI IN PASSEGGINO

images-3.jpg

Gli Hongkongers amano gli animali. Gli expat,
che a Hong Kong ci abitano, ancora di più. Ma non si sognerebbero mai di portarli a spasso in passeggino o di dare loro da bere con il biberon. Così pensavo, fino a qualche tempo fa. Ci siamo fatti contagiare da queste strane pratiche, così come per molte altre consuetudini molto asiatiche, inutile negarlo.
Per assistere a questi flash surreali di amore canino, i luoghi deputati sono: la passeggiata fronte mare di Sai Kung, il villaggio alle porte della Cina, il borgo di Stanley e relativo supermercato con vasta selezione di cibo e amenità canine e Bowen road, il sentiero pedonale immerso nel verde a due passi da Central. Se pensiamo che in alcuni luoghi della Cina il migliore amico dell’uomo viene ancora cucinato e mangiato, meglio forse la deriva dell’estrema cura. Stranezza tutto sommato divertente, ma non incivile. (lem)