18/24 Febbraio 2019

Hong Kong fa il bilancio.. Nonostante un significativo calo del surplus fiscale (-57%), il Ministro delle Finanze Paul Chan, nel presentare i dati di bilancio 2018/2019, ha annunciato di volere destinare 150 miliardi di dollari di Hong Kong (circa 1.8 miliardi di euro) in finanziamenti e iniziative dedicate a sanare le situazioni critiche delle imprese e delle emergenze abitative. Tra le varie voci spiccano le tasse sugli stipendi e le imposte sugli utili, che saranno ridotte del 75%; e i 20 miliardi di HKD che saranno impiegati per acquistare 60 proprietà che ospiteranno più di 130 strutture di assistenza sociale, tra cui asili e servizi di riabilitazione per l’infanzia e centri anziani di quartiere. A Hong Kong l’inflazione si attesta sul 2,5% e il tasso di disoccupazione rimane al 2,8%.

Trump-Kim: continua in Vietnam la love story dei Presidenti. Procede ad Hanoi, nel leggendario hotel Sofitel della capitale vietnamita, il summit sul nucleare tra USA e Corea del Nord. In una atmosfera pacifica e cordiale, Trump tesse le lodi del paese ospitante (“"Il Vietnam prospera come pochi luoghi al mondo”) e della controparte asiatica (“La Corea del Nord sarebbe la stessa cosa, e molto rapidamente, se provvedese a declunearizzarsi. Il potenziale è fantastico”. Mentre Kim cerca di carpire dal Vietnam idee su come sviluppare le zone costiere di Wonsan-Kalma e farne la nuova Ha Long Bay coreana

Dolce & Gabbana, la Cina non perdona. Prosegue il boicottaggio cinese del brand capitanato da Domenico Dolce e Stefano Gabbana. Alla Fashion Week milanese appena conclusasi, i media e i grandi buyer cinesi erano i grandi assenti alla sfilata della collezione del duo stilistico un tempo osannato. Si parla di un terzo di presenze in meno nel settore asiatico e da un sondaggio operato in loco dal corrispondente del South China Morning Post, Vincenzo La Torre, pare che non siano previste le ampie e consuete coperture mediatiche. dell’evento.